.
Annunci online

Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


SOCIETA'
La Passione dell'Abruzzo, e non solo
10 aprile 2009


In questo Venerdì Santo, mi auguro che tutti noi cristiani possiamo immergerci nelle sofferenze del Cristo, e offrire a Lui tutti quelli che stanno vivendo la sua stessa croce. La situazione abruzzese è un'ovvia offerta, ma non è la sola. Non voglio fare il polemico proprio oggi, giornata dei funerali; inoltre, so bene che quello che succede qui vicino, nella nostra patria, ci tocca e ci ferisce in maniera particolare.

Però, l'augurio che mi faccio quando sento certi fatti di cronaca, è che possano davvero renderci un pò più sensibili in generale a questi fenomeni. I cataclismi naturali di questo tipo sono all'ordine del giorno in certe zone del mondo povere, dove non ci sono i servizi e le risorse mobilitate con generosità per la nostra regione, dove non ci sono neanche giorni e giorni di commemorazioni (e, questo non so se sia un male, i mille e mille racconti giornalistici ricamati sopra).

Il bene che vien sempre fuori da queste tragedie, nonostante tutto, è che sono come un pugno sopra lo stato di superficialità che avvolge da anni il nostro paese. Il benessere, che servirebbe in realtà per aiutare gli altri e per avere maggiori possibilità per fare il bene, ci ha come avvelenati, per colpa nostra, che a stomaco pieno abbiamo perso totalmente le capacità di discernimento. Si veda la recente vicenda condom/Papa: una massiccia esplosione di superficialità di giudizio occidentale. Ma quando si tocca con mano la nostra fragilità, le idee imposte dall'alto iniziano a divenire un pò più dubbie, si inizia un attimino a pensare.

Quello che è successo è un vero dramma, prego il Signore che ce ne liberi. Ma non lasciamo correr via questa occasione di consapevolezza su di noi, sul nostro basso modo di vivere e di pensare, apparentemente solido, ma con i piedi d'argilla costituiti dalla nostra reale piccolezza, pochezza del nostro essere; insieme al fato, al caso, o più semplicemente, alla misteriosa volontà di Dio. Che oggi muore nuovamente per noi, per salvarci un'altra volta unendosi alle nostre sofferenze.

(Fonte immagine: Flickr)
CULTURA
Riflessioni sulla passione, morte, discesa agli inferi e risurrezione di Nostro Signore Gesù (dal commento al Credo di San Tommaso d'Aquino)
21 marzo 2008

In questi ultimi giorni della settimana santa e nei primi di Pasqua meditiamo sulla passione, morte, discesa agli inferi di Gesù e sulla sua risurrezione e ascensione al cielo con le riflessioni che San Tommaso ha espresso nel suo commenti al Credo (la traduzione è di Pietro Lippini, o.p.)

19.03.2008

Necessità della passione di Cristo

Che necessità c'era perché il Verbo di Dio patisse per noi?
Grande, come si può cogliere da questa doppia motivazione:
la prima, come rimedio contro i nostri peccati
e la seconda come esempio al nostro operare.

A - Come rimedio.

Perché è nella passione di Cristo che troviamo rimedio contro tutti i mali in cui possiamo incorrere per i nostri peccati.
Orbene, il peccato ci procura cinque mali:

1 - Ci macchia.

L'uomo, infatti, quando pecca deturpa la propria anima, perché, come la virtù per l'anima è la sua bellezza, così il peccato ne è la macchia. Diceva al riguardo il profeta Baruc: "Perché, Israele, perché ti trovi in terra nemica... perché ti contamini con i cadaveri?" (Bar 3,10-11). Ma questa macchia viene tolta dalla passione di Cristo, perché egli con la sua passione preparò un bagno con cui lavare i peccatori nel suo sangue. Dice infatti l'Apocalisse che egli "ci ha liberati dai nostri peccati con il suo sangue" (Ap 1,5). L'anima infatti viene lavata dal sangue di Cristo nel Battesimo, perché esso trae la sua virtù rigeneratrice dal sangue di Cristo. Perciò, quando qualcuno si inquina nuovamente col peccato, reca un'offesa a Cristo e il suo peccato è più grande di quello commesso dagli uomini prima della redenzione. Scrive in proposito l'Apostolo: "Quando qualcuno ha violato la legge di Mosè, viene messo a morte senza pietà sulla parola di due o tre testimoni. Di quanto maggior castigo allora pensate che sarà ritenuto degno chi avrà calpestato il Figlio di Dio e ritenuto profano quel sangue dell'alleanza" (Eb 10,28-29).

2 – Ci fa offendere Dio.

Infatti, come l'uomo carnale ama la bellezza carnale, così Dio ama quella spirituale, che è la bellezza dell'anima. Pertanto, quando l'anima si macchia col peccato, offende Dio il quale, di conseguenza, prende in odio il peccatore, come dice il Libro della Sapienza: "Sono in odio a Dio l'empio e la sua empietà" (Sap 14,9).
Orbene, questo viene rimosso dalla passione di Cristo, che ha soddisfatto il Padre - cosa che l'uomo da solo non avrebbe potuto fare – per il suo peccato. La carità e l'obbedienza di Cristo furono infatti più meritevoli di quanto non fossero state grandi la colpa e la disobbedienza dell'uomo. "Quand'eravamo nemici, siamo stati riconciliati con Dio per mezzo della morte del Figlio suo" (Rm 5,10).

20.03.2008

3 - Ci indebolisce.

Difatti, dopo una prima caduta nel peccato, l'uomo si illude di potersene trattenere in seguito. Avviene invece tutto il contrario, perché dal primo peccato egli viene debilitato e reso maggiormente incline a ripeccare. Il peccato soggiogherà l'uomo più di prima e lo metterà nella condizione, per quanto dipende dalle sole sue forze, di non poter risorgere senza un intervento divino: come uno che si getta in un pozzo e non può esserne estratto che da un altro. Dal peccato del primo uomo la natura umana fu infatti indebolita e corrotta e l'uomo si ritrovò più incline a peccare e maggiormente dominato da esso. Cristo, è vero, curò questa sua infermità e debolezza, ma non totalmente; per cui, dalla passione di Cristo l'uomo è stato rinvigorito e ne è stata indebolita l'inclinazione al peccato, che in tal modo non lo domina più. Anzi, con l'aiuto della grazia di Dio, che gli viene conferita dai Sacramenti che traggono efficacia dalla passione di Cristo, può ora lottare per resistere al peccato, perché "il nostro uomo vecchio è stato crocifisso con lui (Cristo), perché fosse distrutto il corpo del peccato, e noi non fossimo più schiavi del peccato" (Rm 6,6).

4 - Ci rende meritevoli del castigo.

La giustizia di Dio esige, infatti, che chi pecca venga punito e che la pena sia proporzionata alla colpa. Ora, siccome la colpa del peccato mortale è infinita, in quanto offesa di un bene infinito, ossia Dio, i cui precetti il peccatore disprezza, anche la pena dovuta al peccato mortale è infinita. Ma Cristo con la sua passione ci ha liberati da questa pena, sottoponendovisi al nostro posto. Come dice S. Pietro: "Egli portò i nostri peccati - cioè la pena dovuta ad essi - nel suo corpo sul legno della croce" (1 Pt 2,24). E la passione di lui fu di un valore così grande da bastare ad espiare tutti i peccati del mondo intero, anche se il loro numero fosse stato infinito. È per questo che coloro che ricevono il Battesimo vengono assolti da tutti i loro peccati e che anche il sacerdote può assolverli tutti.
Ne segue anche, che quanto più uno si conforma alla passione di Cristo, tanto maggior perdono egli ottiene e più grazia egli merita.

5 - Ci espelle dal Regno.

Coloro, infatti, che offendono il re, sono costretti ad andare in esilio.
Analogamente, per il suo peccato l'uomo viene cacciato dal paradiso: è quello che successe immediatamente ad Adamo a causa della sua colpa e, dopo, la porta del paradiso venne chiusa.
Ma Cristo con la sua passione la riaprì e richiamò nel regno gli esiliati. La porta del paradiso fu riaperta in seguito all'apertura del costato di Cristo, quando, a causa dello spargimento del suo sangue, la macchia del peccato fu lavata, Dio fu placato, la fragilità umana fu curata, la pena espiata e gli esuli furono richiamati nel regno. È per questo che al ladrone fu subito detto "oggi sarai con me nel paradiso" (Lc 23,43): parole che non erano mai state dette ad alcuno prima di allora: non ad Adamo, non ad Abramo, non a Davide. Solo oggi, dopo cioè che ne fu riaperta la porta, la domanda di perdono del ladrone venne accolta "avendo piena libertà di entrare nel santuario per mezzo del sangue di Gesù" (Eb 10,19).

Risulta, dunque, da quanto si è detto, l'utilità della passione di Cristo come rimedio.

21.03.2008

B - Come esempio.

Ma non è minore l'utilità che ci viene dal suo esempio. Come dice, infatti, il beato Agostino, la passione di Cristo è sufficiente per orientare tutta la nostra vita. Chiunque voglia, infatti, vivere perfettamente non ha altro da fare che disprezzare ciò che Cristo ha disprezzato e desiderare ciò che Cristo ha desiderato. Nessun esempio di virtù è infatti esente dalla croce.
Infatti:
- Cerchi un esempio di carità? Eccolo. "Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici" (Gv 15,13). Così ha fatto Cristo sulla croce. Se perciò egli ha dato la sua vita per noi, non ci dovrebbe essere pesante sopportare qualsiasi male per lui. Infatti: "che cosa renderò al Signore per quanto mi ha dato?" (Sal 116,12).

2- Cerchi un esempio di pazienza? Ne trovi uno quanto mai eccellente sulla croce. La pazienza, infatti, si giudica grande in due circostanze: o quando uno sopporta pazientemente grandi avversità, o quando si sostengono avversità che si potrebbero evitare, ma non si evitano. Orbene, Cristo sulla croce sopportò grandi sofferenze: "Voi tutti che passate per la via, considerate e osservate se c'è un dolore simile al mio" (Lam 1,12). E le sopportò con pazienza, perché "oltraggiato non rispondeva con oltraggi e soffrendo non minacciava vendetta" (1 Pt 2,23); ed "era come agnello condotto ai macello, come pecora muta di fronte ai suoi tosatori" (Is 53,7). Inoltre poteva evitare tali sofferenze ma non volle. Nel Getsèmani disse infatti a Pietro: "Pensi forse che io non possa pregare il Padre mio, che mi darebbe subito più di dodici legioni di Angeli?" (Mt 26, 53). La pazienza di Cristo sulla croce fu quindi grande, per cui "corriamo con perseveranza nella corsa che ci sta davanti, tenendo fisso lo sguardo su Gesù, autore e perfezionatore della fede. Egli, in cambio della gioia che gli era posta innanzi, si sottopose alla croce, disprezzando l'ignominia"(Eb 12,1-2).

3 - Cerchi un esempio di umiltà? Guarda il crocifisso: è Dio che ha voluto essere giudicato sotto Ponzio Pilato e subire la morte "con giudizi da empio" (Gb 36,17), come fosse veramente un empio, perché dissero di lui: "condanniamolo a una morte infame" (Sap 2,20). Il padrone volle morire per il servo e lui, che è la vita degli Angeli, per l'uomo, "umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce" (Fil 2, 8).

4 - Cerchi un esempio di obbedienza? Segui colui che si è fatto obbediente al Padre fino alla morte: "Come per la disobbedienza di uno solo tutti sono stati costituiti peccatori, così anche per l'obbedienza di uno solo tutti saranno costituiti giusti" (Rm 5,19).

5 - Cerchi un esempio di disprezzo delle cose terrene? Segui colui che è il Re dei re e il Signore dei signori, nel quale si trovano "tutti i tesori della sapienza e della scienza" (Col 2,3), che tuttavia sulla croce compare nudo, schernito, sputacchiato, percosso, coronato di spine, e in fine abbeverato con fiele ed aceto. Non legare dunque il tuo cuore alle vesti e alle ricchezze, perché i soldati "si dividono le mie vesti, sul mio vestito gettano la sorte" (Sal 22,19); non agli onori, perché io, "sono stato oggetto di insulti e di flagelli"; non alle dignità, perché "sul mio capo, intrecciandola, posero una corona di spine"; non ai piaceri, perché "quando avevo sete mi hanno dato aceto" (Sal 69,2).
In un suo commento al passo della Lettera agli Ebrei: "Egli in cambio della gioia che gli era posta innanzi, si sottopose alla croce, disprezzando l'ignominia" (Eb 12,2), S. Agostino dice che "l'uomo Cristo Gesù disprezzò tutti i beni terreni per dimostrare che si devono disprezzare".
Preghiamo il Signore.

(Tratto da Amici Domenicani)
sfoglia
marzo        maggio