.
Annunci online

Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


DIARI
Saper aspettare, ovvero l'arte di "restare a Gerusalemme"
24 maggio 2009
Per molti, dire che "il Vangelo parla direttamente alla nostra vita" può apparire privo di senso. Per alcuni non credenti, poi, forse anche motivo di ironia: già lo vedo Odifreddi o chi per lui a fare strampalati pseudo-calcoli della probabilità, per decidere quanto le pagine del Vangelo sarebbero "adattabili" alle situazioni di ogni giorno...

Ma non è proprio questione di pura adattabilità letterale, come per l'oroscopo. Tramite le parole evangeliche, se hai il cuore aperto ad ascoltare, senti la voce di Dio che ti parla dentro, come se ti rivelasse all'anima delle piccole perle di saggezza ogni volta. In certi casi sono delle regole di condotta e di vita cristiana, di comportamento generale: non per questo meno preziose. Ma in diverse occasioni si riferiscono proprio al particolare momento che si sta attraversando, dandogli una luce particolare, dischiudendone almeno parzialmente il significato secondo la Volontà di Dio.

Per me è stato così durante la lettura degli Atti degli Apostoli. Vi riporto il pezzo che mi ha colpito, (di cui potete leggere anche la versione completa):

Mentre si trovava a tavola con essi, ordinò loro di non allontanarsi da Gerusalemme, ma di attendere che si adempisse la promessa del Padre "quella, disse, che voi avete udito da me: 
Giovanni ha battezzato con acqua, voi invece sarete battezzati in Spirito Santo, fra non molti giorni". 
Così venutisi a trovare insieme gli domandarono: "Signore, è questo il tempo in cui ricostituirai il regno di Israele?". 
Ma egli rispose: "Non spetta a voi conoscere i tempi e i momenti che il Padre ha riservato alla sua scelta
ma avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samaria e fino agli estremi confini della terra".
 
Come è illuminante questo passo sulla vita di tanti, sulla mia in particolare. Quante volte viene voglia di "muoversi da Gerusalemme" anche quando non è il momento giusto. Di fare cose grandiose "per Dio", mentre invece spesso e volentieri sono solo progetti umani, spinti non dallo Spirito Santo, ma forse dalla nostra presunzione, o dalla nostra ambizione, dal nostro pensare che "siamo noi a dover ricostituire il Regno di Israele". Invece Dio ha i suoi tempi, che sono perfetti e che "solo il Padre sa": del resto, anche per Gesù ci furono ben 30 anni (dieci undicesimi della sua vita!) di vero e proprio silenzio. Certo, ogni momento della vita del Figlio di Dio sarà stato dedicato a compiere la Volontà del Padre, e quindi opere di bene in ogni senso: ma rimanendo nella natìa Nazareth, nella semplicità, nel silenzio e nella "sottomissione". Ai genitori in primis, ma anche alle routine di tutti i giorni, alla testimonianza del sacrificio quotidiano. Fino al tempo deciso dal Padre per la grande missione della Redenzione.

E chi siamo, noi, per sapere e decidere i piani e i tempi di Dio? La Sua Volontà sarà quella di trattenermi per sempre nella mia "Gerusalemme", spingendomi a consumare sempre con maggiore sforzo e generosità il sacrificio giornaliero, fatto di tante piccole fatiche e preoccupazioni? O proprio domani sarà il giorno in cui "lo Spirito Santo scenderà con potenza su di me", preparandomi a una vita di testimonianza radicalmente diversa? Non lo so. Non lo posso sapere. E in realtà non è importante saperlo. Perché Lui ha detto "io sono la Via, la Verità e la Vita": tutto quello che posso fare è cercare di prepararmi a tutto quello che mi chiederà, cercando sempre di seguirLo come un umile viandante.  Anche se le mie strade dovessero rimanere per sempre in quel di "Gerusalemme".
sessualità
Sesso e sensi di colpa
3 maggio 2009


Stamattina stavo ascoltando Radio24, precisamente la rubrica Il riposo del guerriero, in cui si fa un excursus sulle trasmissioni della settimana appena passata. In pratica oggi, tra gli altri, si affrontava l'argomento "sessualità", prendendo spunto da una puntata di Melog 2.0 (un'altra rubrica di cui sinceramente, da quando ascolto questa radio via web, mi è sempre sfuggito lo scopo). Decido incuriosito di ascoltare.

In pratica, il conduttore si mette a fare, se ho capito bene, l'apologetica del sesso "zoologico" (termine felicemente coniato da Maurizio Blondet), ovvero della sua promiscuità sessuale, per la quale verrebbe ingiustamente "perseguitato"; interviene un'ascoltatrice che prova a contestarlo e, apriti cielo, risposta quasi stizzita in diretta e valanghe di telefonate, a ribadire la "bellezza e naturalità" del sesso fatto sempre e comunque. Da sottolinearne particolarmente una, in cui si afferma che "in questo momento di crisi, cosa ci rimane per tirarci su se non il sesso?"; eh già: la crisi non è un momento in cui magari è necessario riflettere sulla caducità delle ricchezze, di ripensare i propri modelli economici e stili di vita; bisogna tirarsi su "facendo più sesso". Forse è per questo che si vuole insistere tanto a mandare i preservativi in Africa: non mangiano, sono dilaniati da guerre, malattie, catastrofi... magari anche loro si vogliono tirare un pò su!

Successivamente, c'è un'altra telefonata chiarificatrice della signora che ha scatenato la polemica. Ella spiega che è stata educata molto rigidamente in famiglia, con un modello a suo dire "cattolico", e che è stata praticamente ossessionata, se ho ben capito, dai sensi di colpa per un'esperienza di sesso prematrimoniale, tanto da non godersi neanche i momenti di intimità con il marito, vissuti con distacco e senza soddisfazione.
Ora, è ovvio che questo è un problema dovuto o alla signora o a chi l'ha tirata su: è palese che la visione cattolica non condanna il sesso sempre e comunque, ma che gli vuol riconoscere la dignità di donazione totale che esso possiede di per sé, tra persone che si sono già promesse di appartenere incondizionatamente l'una all'altra attraverso il matrimonio: questa donazione prevede certo anche il piacere fisico, che di per sé non ha nessuna connotazione di "peccato".

Ma la cosa che mi ha fatto sorridere, più che questo antico senso di colpa della signora, è la reazione a valanga dei "sessualizzati" italiani: senza rendersene conto magari, viene fuori un nuovo senso di colpa, quando ad alcuni maschi del 2009 viene appena scalfito il loro comportamento zoologico, la loro promiscuità, la loro visione. Riconoscibilissimo come tale, che fa dire al conduttore del programma di sentirsi "perseguitato", è portato proprio da questa ideologia che ci vuole "liberare" dalla "zavorra della moralità". 
Ecco perché, ho pensato, la reazione così focosa alle parole del Papa sui preservativi, senza neanche volerlo interpretare: oltre che lo scandalo ipocrita per il del tutto presunto favoreggiamento all'AIDS, mi sa che la coscienza di molti si è fatta sentire. Una coscienza che vorrebbe recuperare il sesso da attività animalesca, da una "questione di emozioni", o di presunto amore totale tra non sposati, a quella sacralità che le compete. Riuscirà, per miracolo, a farsi sentire nella testa ideologizzata dell'uomo di oggi? 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sessualità radio24 meditazioni

permalink | inviato da -Lore- il 3/5/2009 alle 13:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
SOCIETA'
La Passione dell'Abruzzo, e non solo
10 aprile 2009


In questo Venerdì Santo, mi auguro che tutti noi cristiani possiamo immergerci nelle sofferenze del Cristo, e offrire a Lui tutti quelli che stanno vivendo la sua stessa croce. La situazione abruzzese è un'ovvia offerta, ma non è la sola. Non voglio fare il polemico proprio oggi, giornata dei funerali; inoltre, so bene che quello che succede qui vicino, nella nostra patria, ci tocca e ci ferisce in maniera particolare.

Però, l'augurio che mi faccio quando sento certi fatti di cronaca, è che possano davvero renderci un pò più sensibili in generale a questi fenomeni. I cataclismi naturali di questo tipo sono all'ordine del giorno in certe zone del mondo povere, dove non ci sono i servizi e le risorse mobilitate con generosità per la nostra regione, dove non ci sono neanche giorni e giorni di commemorazioni (e, questo non so se sia un male, i mille e mille racconti giornalistici ricamati sopra).

Il bene che vien sempre fuori da queste tragedie, nonostante tutto, è che sono come un pugno sopra lo stato di superficialità che avvolge da anni il nostro paese. Il benessere, che servirebbe in realtà per aiutare gli altri e per avere maggiori possibilità per fare il bene, ci ha come avvelenati, per colpa nostra, che a stomaco pieno abbiamo perso totalmente le capacità di discernimento. Si veda la recente vicenda condom/Papa: una massiccia esplosione di superficialità di giudizio occidentale. Ma quando si tocca con mano la nostra fragilità, le idee imposte dall'alto iniziano a divenire un pò più dubbie, si inizia un attimino a pensare.

Quello che è successo è un vero dramma, prego il Signore che ce ne liberi. Ma non lasciamo correr via questa occasione di consapevolezza su di noi, sul nostro basso modo di vivere e di pensare, apparentemente solido, ma con i piedi d'argilla costituiti dalla nostra reale piccolezza, pochezza del nostro essere; insieme al fato, al caso, o più semplicemente, alla misteriosa volontà di Dio. Che oggi muore nuovamente per noi, per salvarci un'altra volta unendosi alle nostre sofferenze.

(Fonte immagine: Flickr)
sessualità
I Tokio Hotel e il (vero) tabù sul sesso
1 ottobre 2008
La settimana scorsa, in home page su Yahoo è stata pubblicata una notizia riguardante il cantante dei Tokio Hotel. Seppur pieno di giovani fans idolatre, come ogni vitello d'oro rockeggiante che si rispetti, il giovane si lamenta perché, a suo dire, da tre anni non bacia una ragazza, e si sentirebbe solo.
Sotto l'articolo, la sfilza di commenti italioti alla notizia, farciti di offese e di ironie. "Sta male, ha qualche problema", pensano alcuni tra i gretti visitatori.

A me invece ha fatto molto riflettere questa cosa. Un cantante pieno di fascino, che (come testimonia mia sorella minore, che adesso fa le superiori) ha fan e spasimanti che pullulano per ogni dove, si sente solo. Non solo "non ha fatto sesso", ma "non si bacia neanche con una ragazza" da anni.
Ciò mi ha fatto riflettere sull'ennesimo punto in cui gli stereotipi sociali-televisivi si distaccano dalla vita reale.
Il dogma del sesso subito ormai ci viene tramesso, da tanto tempo, da film, telefilm, soap opera, situation comedy... forse manca solo la Disney. Eppure, nella realtà, l'interiorità e la complessità dell'uomo sfugge alla logica che vorrebbe ormai assodato l'andare a letto al primo appuntamento, specie per chi ha più possibilità in questo senso. Volente o nolente, la natura di donazione totale è inscritta nell'atto sessuale, e le cose non sono mai semplici come le voglion far passare in "Grey's Anatomy" o in un'altro telefilm (ormai a scelta libera). E si verificano ancora, in mezzo al mondo, in mezzo ai giovani più alla moda, in mezzo persino alle rockstar milionarie, situazioni in cui conta il vuoto interiore, in cui non si pensa al sesso come banale attività meccanica di godimento da fare senza farsi troppi problemi (e in questo modo in realtà moltiplicandoli), e in cui si sa bene che la desolazione non verrà sconfitta dal bacio della groupie di passaggio.

Spero tanto che questo giovane cantante trovi la sua luce. La Luce. Che illumina ogni uomo, persino oggi.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Tokio Hotel meditazioni sessualità

permalink | inviato da -Lore- il 1/10/2008 alle 2:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
DIARI
Ritorno con "sorprese"...
31 agosto 2008
Già ieri, ultimo giorno di vacanza, ero a pensare al post di ben ritrovati che avrei scritto appena seduto a questa scrivania. Era molto più ottimistico e positivo delle righe che leggerete...

Purtroppo, ci son stati tre inconvenienti, verificatisi tra ieri e oggi, che mi hanno reso non poco amara la giornata: il primo lo devo in parte ancora affrontare (non è molto grave ma è seccante), il secondo è una cosa che mi è successa oggi e che sto superando (e diciamo che è
abbastanza più grave) e il terzo (il peggiore in assoluto) mi dà una certa preoccupazione: per ora quest'ultimo è solo un'ipotesi, ma se si realizzasse, penso che sarà una bella grana per molte cose e mi cambierà diversi progetti anche importanti per il futuro. Per non dire di peggio...
E' vero che la testa non si fascia prima di averla battuta, ma comunque vi chiedo una piccola preghiera per questa situazione, anche se per ora non mi sento di specificare di cosa parlo.
In ogni caso, sia fatta la volontà di Dio, sperando di ricevere da Lui la forza nel caso succedesse.

Mi viene da pensare ad una frase che ho sentito in un film, molto semplice ma che mi è rimasta impressa: "possono succedere molte cose in 60 minuti". I miei sono stati un pò di più, di minuti, ma lo stesso da un giorno ad un'altro queste tre cose, a cui prima non pensavo, mi hanno davvero cambiato prospettiva. In fondo anche un singolo minuto è composto da un'infinità di attimi, e io penso che basti un attimo per cambiare totalmente la propria situazione... ed è incredibile come la vita umana sia fatta di questi attimi che ti travolgono, come un ciclone per cui non ci sono stazioni metereologiche che tengano, per poterlo prevedere.
 
Comunque, come si dice in questi casi, la vita va avanti... il ritorno dalla vacanza è meno "trionfalistico" del previsto, ma vedrò di cavarmela con Dio e spero secondo Dio, come è successo in questi ultimi anni.

Ben ritrovati a tutti.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. meditazioni vita personale

permalink | inviato da -Lore- il 31/8/2008 alle 22:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
DIARI
Meritato, si spera, riposo
15 agosto 2008
E da domani, il vostro Viandante si avvia verso le vacanze. Non proprio totalmente tali, perché avrò comunque da fare, ma in ogni caso diciamo che almeno si cambia un pò aria.
Avrò anche l'occasione di andare a "rendere il tributo" a un vecchio luogo importante,  che è stato un crocevia tra i più significativi (se non il più significativo) della mia vita... ma questa è un'altra storia.
Per quanto riguarda il bilancio sull'andamento del blog, non posso che confermare quello stilato da poco, sperando che questo piccolo spazio continui sempre ad essere un riferimento e un luogo di confronto (in primis con me stesso) per il sottoscritto.

Infine, come non ringraziare uno a uno tutti gli amici bloggers incontrati durante il percorso. Sono contento di aver trovato un piccolo universo così variegato dal quale attingere e col quale dibattere, e spero a settembre di poter continuare il fruttuoso dialogo.

Nel frattempo, quasi quasi stasera metto qualche articolo da farvi sfornare automaticamente in mia assenza. O forse no, in fondo un pò di riposo va concesso anche a quell'egregio lavoratore che è il qui presente blog.

A presto e, a meno che non vi risbuchi da qualche internet point, buone vacanze!

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. meditazioni blog Il Viandante

permalink | inviato da -Lore- il 15/8/2008 alle 15:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
CULTURA
Il tesoro nascosto e la perla preziosa
27 luglio 2008

XVII Domenica del tempo ordinario


1 Re 3,5.7-12; Romani 8,28-30; Matteo 13, 44-52


IL TESORO NASCOSTO E LA PERLA PREZIOSA

Cosa voleva dire Gesú con le due parabole del tesoro nascosto e della perla preziosa? Più o meno questo. È scoccata l'ora decisiva della storia. È apparso in terra il regno di Dio! Concretamente, si tratta di lui, della sua venuta sulla terra. Il tesoro nascosto, la perla preziosa non è altri che Gesù stesso. È come se Gesù con quelle parabole volesse dire: la salvezza è venuta a voi gratuitamente, per iniziativa di Dio, prendete la decisione, afferratela, non lasciatevela sfuggire. Questo è tempo di decisione. 

Mi viene in mente quello che successe il giorno che finì la seconda guerra mondiale. In città i partigiani o gli alleati aprirono i magazzini delle provviste lasciate dall'esercito tedesco in ritirata. In un baleno la notizia arrivò nelle campagne e tutti di corsa ad attingere a tutto quel ben di Dio, tornando chi carico di coperte, chi con ceste di prodotti alimentari. Penso che Gesù con quelle due parabole voleva creare un clima del genere. Come per dire: "Correte finché siete in tempo! C'è un tesoro che vi aspetta gratuitamente, una perla preziosa. Non lasciatevi sfuggire l'occasione". Solo che nel caso di Gesù la posta è infinitamente più seria. Si gioca il tutto per tutto. Il Regno è l'unica cosa che ci può salvare dal rischio supremo della vita che è quello di fallire il motivo per cui siamo in questo mondo.

Viviamo in un società che vive di assicurazioni. Ci si assicura contro tutto. In certe nazioni è diventata una specie di mania. Ci si assicura anche contro il rischio del mal tempo durante le vacanze. Tra tutte, la più importante e frequente è l'assicurazione sulla vita. Ma riflettiamo un momento: a chi serve una tale assicurazione e contro che cosa ci assicura? Contro la morte? No di certo! Assicura che, in caso di morte, qualcuno riceverà un indennizzo. Il regno dei cieli è anch'esso una assicurazione sulla vita e contro la morte, ma una assicurazione reale, che giova non solo a chi resta, ma anche a chi va, a chi muore. "Chi crede in me, anche se muore, vivrà", dice Gesù. Si capisce allora anche l'esigenza radicale che un "affare" come questo pone: vendere tutto, dare via tutto. In altre parole, essere disposti, se necessario, a qualsiasi sacrificio. Non per pagare il prezzo del tesoro e della perla, che per definizione sono "senza prezzo", ma per essere degni di essi. 

In ognuna delle due parabole vi sono, in realtà, due attori: uno palese che va, vende, compra, e uno nascosto, sottinteso. L'attore sottinteso è il vecchio proprietario che non si accorge che nel suo campo c'è un tesoro e lo svende al primo richiedente; è l'uomo o la donna che possedeva la perla preziosa, e non si accorge del suo valore e la cede al primo mercante di passaggio, forse per una collezione di perle false. Come non vedere in ciò un ammonimento rivolto a noi, gente del vecchio continente europeo, in atto di svendere la nostra fede e eredità cristiana?

Non si dice però nella parabola che "un uomo vendette tutto quello che aveva e si mise alla ricerca di un tesoro nascosto". Sappiamo come vanno a finire le storie che cominciano così: uno perde quello che aveva e non trova nessun tesoro. Storie di illusi, di visionari. No: un uomo trovò un tesoro e perciò vendette tutto quello che aveva per acquistarlo. Bisogna, in altre parole, aver trovato il tesoro per avere la forza e la gioia e di vendere tutto. Fuori parabola: bisogna aver prima incontrato Gesù, averlo incontrato in maniera nuova personale, convinta. Averlo scoperto come proprio amico e salvatore. Dopo sarà uno scherzo vendere tutto. Lo si farà "pieni di gioia" come quel contadino di cui parla il vangelo.

(di Padre Raniero Cantalamessa, tratto da Zenit)

CULTURA
Matrimonio, vita futura, verginità
11 giugno 2008
Trascriviamo il contenuto di una email pervenuta al nostro sito e la relativa risposta di Padre Angelo.

Caro Padre Angelo,
mi chiamo Maria, sono una terziaria, e sono venuta a conoscenza di questo sito per caso e da pochissimo tempo.

Dopo aver letto alcune interessanti domande e le relative esaurienti risposte pubblicate in questo spazio, desidererei anch'io intervenire per chiedere delucidazioni riguardo al passo del Vangelo di Luca 20,27.
In questo passo Gesù accoglie la provocazione dei sadducei sulla risurrezione dei corpi, e conclude con queste parole:
"I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; ma quelli che sono giudicati degni dell’altro mondo e della risurrezione dai morti, non prendono moglie né marito; e nemmeno possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, essendo figli della risurrezione, sono figli di Dio." Da qui partono le mie riflessioni che, precisiamo, esulano il rapporto teologico-ecclesiale uomo/donna - marito/moglie qui sulla terra, e cioè non riguardano la nostra attività terrena, piuttosto quella spirituale, affinché nel dipanarsi del tempo ognuno di noi possa trasformarsi ed avvicinarsi già da ora qui sulla terra a quelle creature angeliche la cui vita è un puro donarsi a Dio, un donarsi a Dio nella conoscenza, nell'amore e nel servizio.
Dunque, questa vedova risposata molte volte, di chi sarà moglie nella risurrezione? Gesù ci dice di nessuno. Qui sulla terra dunque c'è la legge di Mosè che ci indica il modo concreto e corretto di realizzare la volontà di Dio, compresa l'ammissione di ulteriori matrimoni in caso di vedovanza, e Gesù dall' altra parte ci parla di una risurrezione dove non c'è più possesso e appartenenza simile allo stato coniugale, ma dove tutti siamo pienamente disponibili al servizio di Dio. Ma sappiamo anche che il Regno di Dio non è solo in cielo, ma è già qui in mezzo a noi, come è qui in mezzo a noi il Padre, e a noi dunque spetta il compito di custodire e far crescere quel granellino di senape. Ora, Gesù ci esorta ad essere fin da ora perfetti come lo è il Padre nostro che è nei cieli, e dato che il Padre creò l'uomo a Sua immagine e somiglianza, maschio e femmina lo creò, ecco che io credo non possiamo aspirare a questo traguardo se pretendiamo di camminare da soli. Nella visione di Dio "il solo" non esiste, non è contemplato, e questo non riguarda solo la riproduzione procreativa, ma riguarda anche e soprattutto lo spirito. Il "solo" come persona al cospetto di Dio non esiste, esiste solo la coppia come "individuo" che si affaccia sulla Creazione. Questo ci dice la Genesi.
Ecco, riflettevo su questo punto oggi ancor più di ieri, dopo aver letto la "Deus caritas est" in cui il Papa evoca il mito platonico dell'andogino:
"Il racconto biblico della creazione parla della solitudine del primo uomo, Adamo, al quale Dio vuole affiancare un aiuto. Fra tutte le creature, nessuna può essere per l'uomo quell'aiuto di cui ha bisogno, sebbene a tutte le bestie selvatiche e a tutti gli uccelli egli abbia dato un nome, integrandoli così nel contesto della sua vita. Allora, da una costola dell'uomo, Dio plasma la donna. Ora Adamo trova l'aiuto di cui ha bisogno: «Questa volta essa è carne dalla mia carne e osso dalle mie ossa» (Gn 2, 23). È possibile vedere sullo sfondo di questo racconto concezioni quali appaiono, per esempio, anche nel mito riferito da Platone, secondo cui l'uomo originariamente era sferico, perché completo in se stesso ed autosufficiente. Ma, come punizione per la sua superbia, venne da Zeus dimezzato, così che ora sempre anela all'altra sua metà ed è in cammino verso di essa per ritrovare la sua interezza. Nel racconto biblico non si parla di punizione; l'idea però che l'uomo sia in qualche modo incompleto, costituzionalmente in cammino per trovare nell'altro la parte integrante per la sua interezza, l'idea cioè che egli solo nella comunione con l'altro sesso possa diventare « completo », è senz'altro presente."

La mia domanda è questa: sappiamo che la novità cristiana consiste nella relazione individuale e personale di figlio nei riguardi del Padre, come figlio di Dio, ed è certamente una relazione esclusiva e più diretta del figlio che si relazione all'altro suo simile. Mi spiego meglio: nel parlare di moglie-marito, padre-madre, fratello-sorella, si sta vedendo tutto in relazione all'altro, mentre, come dicevo prima, la relazione di figlio-figlia di Dio è più diretta, più immediata, ed è certamente la novità cristiana. Ora, se noi in questa visione cristiana della nostra relazione personale con Dio soprassediamo sulla questione della dimensione antropologica del maschio e femmina, possiamo aspirare e tendere a quel Dio che non ci ha certo creato singolarmente "completi"? se al Suo cospetto esiste solo la coppia come "individuo", possiamo noi tenderGli in solitudine? Oppure è vero che la comunione con l'altro sesso, affinché il nostro essere maturi nella sua interezza e sia capace di produrre vita (sia essa biologica che spirituale) ed essere finalmente Sua immagine attraverso la complementarietà originaria, non solo vale per l'aspetto biologico dell'essere umano, ma anche per l'aspetto spirituale?
Tenuto anche conto che la formazione dell'essere femminile esula, in un certo senso, dalla riproduzione sessuale, poiché è intrinseca alla natura stessa dell'uomo. Cioè, il concetto di "donna" è nel concetto di "uomo" come una potenzialità latente, che, ad un certo punto, quasi per necessità, viene alla luce, diventando atto. Seguendo l'ontologia di Tommaso potremmo ricordare il principio d'individuazione che è riposto nella materia signata quantitate, ossia nella materia contrassegnata da precise dimensioni che viene ad esistere. Ma l'essenza di una cosa, e in questo caso dell'uomo, è distinta dalla sua esistenza. L'essenza di una cosa di per sè non implica necessariamente l'esistenza in atto di tale cosa. Questa esistenza in atto è la realizzazione compiuta dell'essenza di una cosa, perciò, rispetto all'essere, l'essenza è soltanto potenza. L'essenza è soltanto in potenza rispetto all'esistenza, mentre l'esistenza è atto dell'essenza. Il passaggio dall'essenza all'esistenza si configura appunto come passaggio dalla potenza all'atto. Questo ce lo dice la genetica con i cromosomi xx e xy, e la Scrittura con la costola di Adamo.
Spero di essere stata in grado di porre in maniera chiara la mia domanda.
Già da ora le porgo i miei ringraziamenti per l'attenzione.
Cordialmente,

Maria Rubini


Risposta del sacerdote.

      Cara Maria,
      ringrazio anzitutto il Signore che ti ha dato l’opportunità di trovare per caso il nostro sito.
      Giovanni Paolo II diceva che, quando si guardano le cose dal versante di Dio, il caso non esiste.
      Sono convinto che il santo Padre Domenico, che ha un amore di predilezione per i terziari, ti abbia guidato verso di noi.
      Vengo dunque alle tue domande.
     
      Dici: “Dunque, questa vedova risposata molte volte, di chi sarà moglie nella risurrezione? Gesù ci dice di nessuno”.
      Risposta: Non sarà sposa di nessun uomo, senz’altro, perché il matrimonio è nell’ordine dei mezzi e appartiene alle realtà di questo mondo.
      Ma il matrimonio di qua è come una specie di preparazione di altre nozze che celebreremo nell’eternità.
      Mi vengono alla mente le parole che santa Caterina da Siena disse a Nicolò di Tuldo che stava per essere decapitato, quando prese la sua testa nelle mani: “Giù, alle nozze, fratello mio dolce, che tosto giungerai alla vita durabile”.
      Caterina era persuasa che Nicolò stava andando a nozze.
      È il pensiero di san Giovanni nell’Apocalisse: “Rallegriamoci ed esultiamo, rendiamo a lui gloria, perché son giunte le nozze dell'Agnello; la sua sposa è pronta, le hanno dato una veste di lino puro splendente. Allora l'angelo mi disse: «Scrivi: Beati gli invitati al banchetto delle nozze dell'Agnello!»” (Ap 19,7-8).
     
      Dici ancora: “se al Suo cospetto esiste solo la coppia come "individuo", possiamo noi tenderGli in solitudine? Oppure è vero che la comunione con l'altro sesso... non solo vale per l'aspetto biologico dell'essere umano, ma anche per l'aspetto spirituale?”.
      Risposta: è vero che non si può vivere “in solitudine”.
      Giovanni Paolo II diceva che l’uomo non può vivere senza amore. Non può vivere se non con qualcuno, anzi per qualcuno!
      Se Dio è Amore, e noi siamo fatti a immagine e somiglianza sua, anche noi non possiamo vivere senza amore, senza donarlo e senza riceverlo.
      E la strada ordinaria per vivere tutto questo è il matrimonio.
      Dici bene quando affermi che siamo relazionati al Padre come figli. Ma l’essere suoi figli si realizza sempre nella comunione sponsale.
      Ordinariamente le persone umane realizzano la loro vocazione sposale nel matrimonio, e attraverso di esso tendono alle nozze eterne.
      Ma alcune persone sono chiamate da Cristo a vivere anticipatamente le nozze eterne e a rendere visibili col loro comportamento la dimensione escatologica della vita umana, quella dimensione nella quale non si prende né moglie né marito perché Dio basta. È lo stato di castità o verginità consacrata.
      Ma quelli che vivono nella castità o verginità consacrata non vivono in solitudine, anche se per alcuni di loro materialmente avviene proprio così.
      Chi vive nella castità o verginità consacrata tralascia il segno (il matrimonio) e va direttamente alla realtà: per dirla con san Paolo si preoccupa delle cose del Signore (1 Cor 7,32) e sta unito a Lui senza distrazioni (1 Cor 7,35).
      Nello stesso tempo si fa “tutto a tutti per salvare ad ogni costo qualcuno” (1 Cor 9,22).
      In tal modo i due carismi, quello del matrimonio e della castità consacrata, si richiamano a vicenda.
      I consacrati, vivendo anticipatamente le nozze eterne, col loro comportamento ricordano agli sposati che le nozze temporali sono nell’ordine dei mezzi e che di loro natura sono ordinate a preparare le nozze eterne.
      Le persone sposate a loro volta ricordano ai consacrati che non sono chiamati a vivere in solitudine, ma in comunione, anzi in uno sposalizio col Signore nel quale si è chiamati dalle vicende della vita a donarsi sempre in totalità, senza riservarsi nulla.
      Il Papa in Deus charitas est non è entrato nel campo della reciprocità dei carismi.
     
      Infine scrivi: “Tenuto anche conto che la formazione dell'essere femminile esula, in un certo senso, dalla riproduzione sessuale, poiché è intrinseca alla natura stessa dell'uomo. Cioè, il concetto di "donna" è nel concetto di "uomo" come una potenzialità latente, che, ad un certo punto, quasi per necessità, viene alla luce, diventando atto”.
      Qui, cara Maria, sei troppo stringata nel tuo dire e fatico a seguirti.
      Quando dici che “il concetto di "donna" è nel concetto di "uomo" come una potenzialità latente”, intendi “uomo” come specie o come maschio?
      Nel primo caso, sono d’accordo. Allora tanto la mascolinità quanto la femminilità sono latenti nel concetto di persona umana.
      Nel secondo caso, evidentemente non potrei seguirti, perché la mascolinità non ha niente di più della femminilità, e viceversa. Che la donna sia stata tratta dalla costola di Adamo è solo un racconto e vuol dire che è della medesima natura e dignità del maschio, come già rilevava sant’Agostino.
     
      Ti ringrazio per la stima e l’attenzione.
      Ti seguo con la preghiera e ti benedico.
      Padre Angelo

Questo articolo è stato tratto dall'archivo dell'analoga sezione "un sacerdote risponde" su Amicidomenicani.it, dove si possono trovare le risposte ai più recenti quesiti e il recapito per scrivere a Padre Angelo.

CULTURA
Psicanalisi di Odifreddi
8 giugno 2008
Tempo fa, Faber ha portato all'attenzione del sottoscritto l'ultima fatica d'Ercole (?!?) del matematico Odifreddi: "Il matematico impenitente" (... e non si era capito?).
Il personaggio è noto penso anche ai lettori di questo blog. Non starò qui a fare un tedioso quanto banale lavoro di smantellamento alle tesi (chiamiamole così) anticlericali del tizio in questione. La cosa più interessante è affrontare il personaggio dal punto di vista psicologico.

Io non sono certo erudito in Scienze della Psiche, ma due osservazioni mi pare di poterle fare. Innanzitutto, l'ossessione contro il cattolicesimo che rasenta il caricaturale: guardate la copertina del libro suddetto. Essa riassume un pò tutto quello che Odifreddi vuole essere: un "diavolaccio" incaricato dalla (dea?) Ragione di smantellare quelle che ai suoi occhi sono solo delle sciocche superstizioni. La cosa buffa è che la missione che il soggetto si è dato, a giudicare dai toni e dall'atteggiamento in generale, si potrebbe definire sacra. E in questo modo, inconsapevolmente, il Razionalissimo si è costruito un modello religioso al quale vuol corrispondere, si è trasformato in un messia di quell'ideologia da lui identificata come Scienza. Non sto scherzando: sembra esserci molto misticismo, più che razionalismo, in quello che Odifreddi vuole portare a termine.

Sapete chi mi ricorda? Me stesso. I miei primi tempi di conversione.
Uscivo da una vita sbandata e senza nessun punto di riferimento. Quando scoprii la fede, non è che ci aderii: mi ci abbarbicai. In reazione a tutto quello che mi aveva deluso, ho teso a fondare parte della mia adesione alla religione come rifiuto esagerato del mondo. Appena mi sono convertito, dentro di me doveva morire un uomo vecchio e nascerne uno rinnovato; e il processo non è stato rapido e indolore. All'inizio c'è stato un rifiuto totale del profano: avevo atteggiamenti troppo distaccati, a "santone", e la mia fede di allora colpiva e condannava il mondo in un pò tutti gli aspetti, quel mondo dal quale mi sentivo totalmente tradito e deluso. Pian piano la fase della crociata finì, e grazie a Gesù ora ho trovato un mio equilibrio interiore, che voglio sempre più rafforzare e limare nei dettagli, senza cadere né nel bigottismo né tantomeno in un cattolicesimo superficiale.

Ecco, Odifreddi secondo me ha vissuto un'esperienza tale quale la mia, ma all'incontro. Era seminarista. Qualcosa gli ha fatto sembrare la religione un elemente oscuro, opprimente, in ogni caso deludente verso le sue aspettative. Si è sentito pure lui tradito, insomma. Ed ecco che così il "nuovo" Odifreddi ateo-razionalista è diventato il cavaliere del dogma antireligioso, che, lancia in resta, vuole colpire e diffamare a qualsiasi costo tutto ciò che è di cattolico.
C'è da notare, a questo punto, la differenza tra noi: il mio, di squilibri, si è attenuato pian piano che continuavo il cammino. Il suo sembra sempre più peggiorare.
Per me è un indizio di quale è la strada giusta, e a questo punto si potrebbe dire un'indizio della stessa esistenza di Dio.
Io sono stato con Gesù, e la Sua vicinanza mi ha rimarginato vecchie ferite, rendendomi un cristiano e un uomo più autentico (ancorché superpeccatore e miserevole) rispetto al lore neo-convertito. E quindi sempre più in pace, più felice. Piergiorgio (chiamato così dai suo genitori in onore del Frassati!) è diventato sempre più feroce e accanito nella sua battaglia: sta tentando di sconfiggere quella religiosità che per lui rappresente l'"uomo vecchio". Eppure sembra che questa battaglia non abbia mai fine: ve l'ho detto, non ha fine perché il "matematico impertinente"  secondo la mia opinione ha, come me tempo fa, un conflitto all'interno di sé stesso, non con il mondo cattolico. Problema interiore che però per lui non si sana. Per iniziare un percorso di guarigione, penso che dovrebbe tornare al punto che l'ha fatto allontanare dal cristianesimo, e chiedersi perché, se ne valeva la pena, invece di continuare a voler fuggire e barricarsi dietro al neoscientismo. Che forse nasconde il fatto che lui, in realtà, Gesù Cristo in quel seminario l'ha conosciuto. E la nostalgia con cui cerca vanamente qualcosa con cui soppiantarlo.

Altresì, questa condotta del matematico secondo me sembrerebbe mostrare la potenza del battesimo. Il battesimo ho letto che lascia una sigillo indelebile e un'attrazione verso le cose di Dio. E se questa attrazione irresistibile fosse quella che Odifreddi tente disperatamente di seppellire? Questo ci dovrebbe far riflettere su quanta responsabilità abbiamo, noi cattolici cosiddetti "praticanti", verso un qualsiasi battezzato.

Infine una puntualizzazione: questo post è opinabile. Come premesso, non sono uno "strizzacervelli", né a dir la verità un esperto sulla persona e le opere dello scienziato a cui si riferisce il post; neanche posso sottoscrivere al 100% l'ultima mia osservazione relativa al battesimo. Tuttavia, quella che ho dato mi sembra una spiegazione possibile e non banale sull'atteggiamento e il carattere ossessivamente anticlericale di Piergiorgio Odifreddi (che non perde occasione per darne sfoggio), e per questo ho deciso che comunque valeva la pena di postare.

DIARI
La complessità del sogno
6 giugno 2008
L'altra notte ho fatto un sogno intricatissimo... una specie di prova a cui dovevo sottopormi, non so per conto di chi, non riesco bene a descriverla a parole... tutto seguiva un percorso estremamente fantastico e complicatissimo... appena mi sono svegliato, sono rimasto del tutto stupefatto da questo sogno così particolare, e ho deciso che ne valeva un post.

In fondo chi, tra noi, non si interroga sul bizzarro mondo dei sogni? La cosa che mi ha sempre colpito di più di questo universo, è quello che la nostra mente riesce a farci credere, e con quale dovizia di dettagli. Nei sogni ci sono persone modellate in maniera precisissima, che si atteggiano e rispondono in una maniera tale da essere indistinguibili da una qualsiasi di quelle reali. Di notte diventiamo degli abilissimi registi, e non riusciremo neanche volendo a inventarci dei personaggi così complicati e completi come quelli che tiriamo fuori nell'attività onirica. Con i loro umanissimi difetti e le loro qualità.
Ad esempio, un'altra volta ho sognato una ragazza con un carattere vivace, non mi ricordo bene il contesto: aveva tutte le particolarità di una singola persona, ma riusciva ad essere sempre coerente con i tratti del suo carattere... nel modo di parlare, nelle mosse che faceva mentre era in macchina, nelle più piccole cose insomma. Veramente incredibile.
Non parliamo poi di come riusciamo a "simulare" il carattere di quelli che conosciamo nella vita reale... anche se, sorprendentemente, spesso mi è successo che questi ultimi, nella loro versione immaginaria, si comportassero in maniera diversa dalla realtà... forse dovevo regolare qualcosa con loro?!?... o con me stesso??

Seconda cosa: l'umore. Ci sono delle notti in cui, interiormente (almeno parlando di me) provi dei sentimenti che il giorno non sono i tuoi. Ad esempio, ultimamente sono diventato un inguaribile ottimista. Ebbene, il me stesso immaginifico la notte può essere, e spesso è, un'altra persona, a volte senza questa speranza che mi contraddistingue durante il giorno. Magari con una certa tristezza, angoscia. Oppure, al contrario, si trova con una particolare quiete, o con sensazioni positive che ora mi riesce difficile descrivere...
Ci sarebbe da scriverne un libro: come mai cambio? Cosa devo sfogare la notte, se si tratta di sfoghi, o da dove vengono i sentimenti belli che sono in un certo modo diversi da quelli da sveglio? Cos'è che la mia mente elabora?

Dopo tanta evoluzione scientifica, il mondo di Morfeo rimane per la maggior parte inesplorato. Si può dire al massimo che è un luogo utilizzato dai Santi e dall'Aldilà (mi vengono in mente tanti fenomeni mistici, ad. es. legati a Padre Pio) per comunicare. Ma in generale, cosa sono i sogni?

Ai posters l'ardua sentenza? Come volete, se lasciate un commento sarà senz'altro interessante. A me basta, come sempre, aver acceso quella piccola scintilla di riflessione nell'anima.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. psicologia sogni meditazioni

permalink | inviato da -Lore- il 6/6/2008 alle 0:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
aprile        giugno